TEATRO MORLACCHI

a Perugia

Descrizione

Il 15 agosto 1781 il teatro fu inaugurato sotto il nome di "Teatro Civico del Verzaro" con una capienza di 1.200 spettatori. Alla sua edificazione concorsero molti dei migliori artisti dell'epoca Nel 1874 l'Accademia decise di ristrutturare ed ampliare il teatro così che divenne come oggi lo possiamo ammirare. Il compito fu affidato all'architetto Guglielmo Calderini, che curò in particolare la sagomatura e il rinnovo delle decorazioni a stucco della fronte dei palchi. La nuova inaugurazione fu l'occasione per assegnare al Teatro il nuovo nome di "Francesco Morlacchi", musicista e filosofo perugino di fama internazionale. Il Teatro Morlacchi rimase attivo fino agli inizi del nostro secolo, ospitando tra l'altro attori di grande livello, come Irma Gramatica, Virgilio Talli e Oreste Calabrese. Gli anni del fascismo con il conseguente oscurantismo culturale e l'occupazione della città da parte dei tedeschi coincisero con il periodo di maggior decadenza. All'indomani del secondo conflitto mondiale, il Teatro si presentava seriamente danneggiato. Nel 1942 l'Accademia, considerate le spese proibitive da affrontare per rendere agibile il teatro, donò l'edificio al Comune di Perugia, a condizione che questi si impegnasse al suo restauro e che l'uso andasse a favore della città.
(Estratto da F. Luzi, Il Teatro Morlacchi di Perugia, Manziana - Roma, 1999)

Non sono attualmente presenti spettacoli in programmazione.